OM, il suono all’origine del cosmo

Ci si imbatte spesso in un mare magnum di parole, frasi, concetti, immagini di cui le terapie olistiche e le discipline orientali sono piene, talvolta perdendosi, talvolta travisandone i reali significati, spesso senza un adeguato supporto nella loro comprensione.

Tra questi sicuramente il simbolismo e il significato dell’OM è ai primi posti. Il simbolo nella sua forma originaria è di importanza fondamentale per percepirne alcuni dei suoi significati, dai più semplici ai più trascendentali, rappresentando l’unione di due caratteri del devanagari e nella sua forma conosciuta ai più si presenta quasi come un numero. Si tratta di una sacra sillaba, pronunciata sempre all’inizio di inni, mantra, canti e di qualsiasi atto religioso o spirituale. L’OM è esso stesso un mezzo di pratica all’interno di diversi tipi di meditazione che utilizzano la ripetizione della sillaba. Lo si ritrova in diverse culture e filosofie e religioni asiatiche, e i suoi significati sono molteplici. Il significato dell’Om non equivale a un Dio specifico o a una parola religiosa ma è ciò che nella scienza si definisce un’equazione. Ciò significa che il mantra “Aum” rappresenta l’esistenza totale.

Questo mantra compare per la prima volta nei Rig Veda, una collezione di inni composti da vari veggenti, è il più antico libro registrato nelle biblioteche del genere umano. Gli storici hanno asserito che alcuni degli inni furono scritti più di 45.000 anni fa. Nei Rig Veda vi sono riferimenti alle congiunzioni dei pianeti avvenute molto tempo fa ed è scritto che il mantra “Om” è il suono del cosmo, “senza forma ed è pure con forma”. Tutti gli altri suoni imitarono questo suono in seguito.

Il mantra “Om” rappresenta quindi l’intero cosmo di cui l’individuo è una microscopica parte. L’individuo è un microcosmo, l’intera creazione è un macrocosmo. Non ci dovrebbe essere una netta differenza tra micro e macrocosmo. Ciò che avviene in una dimensione, avviene nell’altra.

Om è stato descritto come il suono primordiale, presente in tutta la materia vivente, e dunque presenta una profonda connessione con la vibrazione e il suono in generale. Sarebbe il suono da cui la creazione è nata, e sarebbe anche la manifestazione della creazione stessa. Perciò il mantra “Om”, in effetti, rappresenta la nostra totale coscienza.

Un’altra traduzione per Om è Pranava cioè “la più grande lode” o “la più grande preghiera”, ed ecco la sua importanza anche se recitato da solo. Il simbolo sanscrito AUM (la cui pronuncia diviene dunque Om) è composta da tre sillabe: A, U, M. Questa presenza triplice si sviluppa in innumerevoli triplici immagini nelle quali l’Om nella sua interezza prende forma, sostanza ed importanza. La lettera A simbolizza la coscienza, o lo stato di veglia, la U lo stato di sogno e la M lo stato di sonno senza sogni. Il simbolo nella sua completezza, con il crescente e il punto, simbolizza un quarto stato che combina i tre stati precedenti, trascendendoli. Questo è lo stato super-cosciente del Samadhi, fine ultimo di molti tipi di yoga.

Le lettere simbolizzano anche la parola (vak), la mente (manas) e il respiro vitale (prana). Allo stesso modo, le tre lettere rappresentano rispettivamente le dimensioni della lunghezza, della larghezza e della profondità, mentre l’intero simbolo rappresenta la divinità, che è oltre ogni forma e dimensione.

>Ancora le lettere rappresentano l’assenza del desiderio, della paura e della rabbia, mentre l’intero simbolo riecheggia l’essere umano perfetto, la cui saggezza è fermamente stabilita nel divino. Inoltre le lettere rappresentano presente, passato e futuro, e rispettivamente l’insegnamento di padre, madre e guru, e ancora, i tre rami dello yoga Asana, Pranayama e Pratyhara.

Infine Om simboleggia la realizzazione del divino dentro di noi, che libera lo spirito umano dai confini di corpo, mente ed ego. La recitazione del mantra OM prevede il ‘sentire’ la vibrazione espandersi dall’addome al torace fino alla testa man mano che si passa dalla A-U (O) alla M. E’ una pratica che può rivelarsi profonda nella sua essenza di semplicità e totalità, e come molte pratiche orientali e spirituali potrebbe essere vissuta come parte integrante ed integrale della nostra totalità d’esseri umani.

OM, il suono all’origine del cosmo pubblicato: 2014-11-29T11:00:54+00:00 ultima modifica: 2019-11-14T20:09:54+00:00 da luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *